Prima venexiani , po’ cristiani…

A cavallo tra il Medioevo e la fine del XV secolo Venezia divenne una grande  potenza commerciale che riuscì ad  ottenere quasi il totale monopolio del commercio di moltissimi prodotti preziosi provenienti dall’Oriente.                                                             Per facilitare gli scambi commerciali tra Venezia  e l’Oriente servivano ovviamente anche molte persone straniere che fungessero da  intermediari ed  interpreti .                   Venezia ha sempre avuto rapporti con etnie, lingue e culture diverse nel corso  della sua millenaria storia . Per motivi di interesse economico e commerciale Venezia accoglieva con grande rispetto gli stranieri .. ma esclusivamente quelli che potevano dare un contributo alla sua grandezza ed alla sua economia . Nel XVI secolo Venezia era una fra le piu’ multietniche citta’ d’Europa . Citta’ multietnica … non multiculturale , ognuno aveva liberta’ di culto, di costruire luoghi di culto ed anche abitazioni per la propria comunità straniera … ma a questa liberta’ vigilata  prevaleva sempre su tutto Venezia e il bene di Venezia , con la sua cultura e con le sue leggi molto severe da rispettare . Nemmeno il Papa poteva intromettersi piu’ di tanto sulle questioni interne veneziane , basti pensare a quando Paolo V chiese a Venezia di prendere parte alle crociate, il doge rispose: “Prima venexiani e po’ cristiani”, facendo capire  che qualsiasi cosa, compresa un’eventuale guerra doveva essere valutata solo in relazione all’interesse economico e commerciale di Venezia .                                           Man mano che gli stranieri (integrati e preziosi ) aumentavano, venivano a formarsi delle comunità straniere che venivano assorbite gradatamente dalla societa’ veneziana , venivano costruiti e affittati  i fonteghi per ospitare i commercianti con le loro mercanzie ( arabi , tedeschi , turchi etc). Poi c’erano altri  stranieri che venivano ospitati e protetti perche’ spesso perseguitati nei loro paesi d’origine (ebrei, greci, armeni ). Tutti questi stranieri di varie etnie hanno contribuito a rendere Venezia la citta’ piu’ cosmopolita in Europa . Ma valeva sempre l’antico  principio : Prima venexiani , po’ cristiani …. che oggigiorno agli occhi di molti, che non conoscono l’origine storica di questa frase, potrebbe suonare erroneamente come un’affermazione razzista, mentre il messaggio e’ tutt’altro …. accogliere era nel DNA dei venetici ma a prevalere doveva sempre essere la civiltà veneziana, solo così si poteva  parlare di integrazione.                     WSM

wwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwww

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...