Alte Ceccato, conferenza associazioni culturali del Veneto.

 

    La sala civica ad ospitare i convenuti, tutti rappresentanti una trentina di associazioni venete, tutte con lo scopo di diffondere cultura, arte ed usanze venete, con grande attenzione ai millenari trascorsi della Serenissima. Relatore Luciano Dorella, fondatore dell’ Esercito Veneziano 16° Reggimento  di Treviso 1797. Le associazioni del territorio veneto sono state invitate, tre le quali la nostra neonata WSM  Venexia Capital, per unirsi e rafforzarsi nell’intento comune di divulgare al Veneto intero le loro iniziative, e di coordinarsi nel poter raggiungere il più grande numero di località nella regione.

Primo punto della riunione creare un calendario dove far apparire le iniziative di ogni associazione e la  località dove si svolgerebbe la manifestazione: vivereveneto.com ha dato la disponibilità di ospitare le varie offerte di eventi in vivereveneto.org , pagina dedicata esclusivamente al calendario. Progetto notevole, per evitare sovrapposizioni di date, e quindi di avvenimenti anche molto attesi che meriterebbero grande risalto e l’ampia partecipazione di associazioni per fornire alla gente veneta più offerta culturale sull’identità del nostro popolo. Si è parlato di settimane dedicate a più temi, dalle ricorrenze storiche, festività sacre, spettacoli di teatro, rievocazioni della storia veneta in tutte le sue epoche, dall’ ante Cristo al 1866, recuperare l’immenso patrimonio storico che detiene il nostro Veneto. Momento sentito alla consegna a Milena Cecchetto, Sindaco di Montecchio Maggiore, della fascia Veneta. Giustina Renier Michiel ha recitato la meravigliosa “I anèi e i dèi” Di Francesco Dall’Ongaro, di Mansuè di Treviso.

I Anèi e i Dèi.

 

La Sensa xe passada!
Povera desgraziada
E no go visto ancora
Lo Sposo che mi adora.
Gaveva quà l’anelo,
Perchè el spossasse el mar:
Go perso fino a quello….
Ma i dei no li voi dar.

Go visto el Bucintoro
Brusà per torghe l’oro:
Go visto i me cavai
In Franza trasportai!
Ma in cuor me xe restà
L’amor de Libertà,
E se xe andà i anei
Me resta ancora i dei.

Go visto i me palazzi
Vendui per quatro strazzi,
E sepelidi in gheto
Tizian e Tentoreto!
Me go spogià la man
Per un toco de pan:
Ma se xe andà i anei,
Me resta ancora i dei.

Lavorarò de sera,
Me vogio far perlèra,
Ma vogio alzar la testa,
guai per chi me pesta!
Se no son più sovrana,
Son sempre veneziana,
E se xe andà i anei
Me resta ancora i dei.

Zogie, corali, smalto
Sta ben a chi xe in alto:
A nu che semo i fioi
De tanti e tanti eroi,
Ne basta la memoria
Dei secoli de gloria:
E se xe andà i anei,
Ne resta ancora i dei.

I dei per lavorar,
I dei da rosegar,
I dei per far el pugno
E romperli sul grugno
De tuti i me nemici,
De tuti i falsi amici….
E vaga pur i anei,
Pur che ne resta i dei.

3 giugno 1866

Advertisements

One thought on “Alte Ceccato, conferenza associazioni culturali del Veneto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...